domenica 11 aprile 2021

gothic

Sonorità, lingue e movimenti...retaggi di tempi andati. 

Più sul piano della fantasia che del reale storico, 

eppure gli affidiamo i nostri pensieri di fantasia, lasciandoci trasportare ove il nostro corpo ci rammenti che possiamo essere, se pure il tempo ci è sfuggito.

Possiamo vivere anche il presente è altrove.

sabato 20 febbraio 2021

Ira come passione furente

 


Quanto sono profondi gli abissi?
Sono ancora in grado di nuotarci dentro?
quel mare nero come inchiostro, così calmo, così freddo da intorpidirti i muscoli sino a penetrare le ossa.
Ricordo quando ero giovane, e brillavo come un folle diamante.
Ora ho perso la luce nei miei occhi, forse semplicemente perché non so proprio più dove guardare.
Eppure quanto vorrei essere disperso in quell'inchiostro, vorticando nel cosmo dei pensieri sino a trovare un luogo ove affondare mente e memoria.
Ricominciare con gli occhi della meraviglia ancora una volta.
Tutto sta diventano troppo.
Importante
difficile
assurdo
tanto ce la puoi fare.


Comfortably numb...


 

mercoledì 17 febbraio 2021

Beauty Bath

 


Il benessere, non è forse lo stare bene con noi stessi?
Tanto semplice da scrivere, ma così incredibilmente difficile da comprendere.
Pitagora scriveva; conosci te stesso.
Ad oggi, che il gomitolo di filo ha superato la metà del rocchetto, posso guardare serenamente al  passato, e posso affermare che il bene più prezioso per ogni individuo, sia innegabilmente il tempo.
Abilità altrettanto innegabile è quella di avere la forza di ritagliarsene un poco.
Il bagno è uno splendido catalizzatore di questa magia!
I tempi moderni impongono la doccia, suggerendo comode quante fantasiose varianti.
Ma il bagno...la vasca da bagno
è tutta un'altra cosa.
Che sia limpida come un lago di montagna, o strabordante di schiuma, al solo guardarla si pregusta l'intimità del momento.
avvolti dal caldo tepore, al sicuro in quel ventre cullante.
e si sa, i sensi si risvegliano, tolta la frenesia del quotidiano cresce il desiderio di viversi.
Posso solo augurare a chi ne abbia l'occasione di godersi il proprio bagno caldo...e magari sorridere a se stessi, abbandonandosi a questo e ad altri mille piaceri, che proprio la mente è in grado di generare.


Sapiosessualità....


Possibile che poche siano le persone attratte dalla mente anziché dal corpo?

Ove il corpo ha dei limiti, la mente è in grado di superarli largamente.


 

Rosso Vino...

Il Vino...prezioso nettare rosso rubino avvolto da risonante cristallo.
Sopra di lui, aromi che colpiscono i sensi 
Nel corpo, sensazioni ed emozioni profonde, come celebrazioni ed eventi.
 

lunedì 15 febbraio 2021

Sensi...

Siamo così vulnerabili alle emozioni.

Basta così poco per far virare di tono i colori.

Siamo così persi nelle nostre menti da non vedere quello che ci accade attorno.

Proiettati nel vedere quello che "l'ignorato altro" possa scorgere in noi.

Perdendo il gusto, proprio, di quel gustoso boccone, lasciato per ultimo nel piatto.

Pause di riflessione che divengono esercizi quotidiani, 

introspettivi, viaggi in noi stessi

ogni volta con la soffocante sensazione d'esser miseri.

Eppure proprio non riesco a comprendere come sia possibile che tutti riescano a dare il proprio lato migliore nelle foto.

Sarà,

Ma le foto di cui ho maggior ricordo, sono proprio quelle in cui nessuno sorrideva.



 

Differenza tra Bene e Amore...

 


...Non sorprende che sia uno dei libri più tradotto di tutti i tempi...

lunedì 8 febbraio 2021

Silenzi...


....Non sei sola...sono solo in silenzio accanto a te.
Nifth.

 

Porte...

 

...Ogni volta che si apre una porta, è perché dentro di noi lasciamo entrare qualche cosa di nuovo.
Forse un semplice azzardo con una nuove luce...
Nifth.

lunedì 1 febbraio 2021

Attesa...


Comprendo forse perché vivo e non semplicemente perché trascino i miei piedi da una parte o dall'altra.
Poi chissà quale sia la comprensione alla quale assurgo? Forse quella di estendermi dalla mediocrità che tanto biasimo.
Ho ascoltato parole di sofferenza, come se l'accaduto fosse troppo difficile da comprendere, troppo assurdo per essere vero.
Troppo duro per essere accettato.
E allora ancora dolore...
Paura.
Timore.
Porte che si chiudono.
Un cuore che avvizzisce ad ogni messaggio, ad ogni giorno passato lontano...ad ogni ...silenzio.
Bisogna indossare la maschera migliore, sempre smagliante, come se bisognasse sempre dominare la scena di questo ironico, folle, dissacrante palcoscenico.
Quando, proprio in fondo alla sala, si può imparare da tutta la platea, e magari accorgersi che la commedia, alla fine non valeva il biglietto.
   


 

mercoledì 27 gennaio 2021

Cadere....


A volte fatico così tanto per restare in equilibrio tra me stesso e tutto il resto del mondo.
Nel mentre fantastico su quanto sarebbe bello potersi lasciare cadere, con la naturale consapevolezza di poter cadere senza troppe fratture, solo non fosse per provare, se pur per poco, la sensazione di staccare i piedi da qualche cosa e volare.
Nifth.

 

lunedì 25 gennaio 2021

Velocità...


Velocità, tempismo, Momenti. Tutto è scandito da un ritmo esterno a noi, quando dovremmo essere noi stessi il motore e metronomi di noi stessi.
Per incrociarci, giochiamo agli inseguimenti.
Emozioni, desideri, privazioni, sensazioni...
Tutto che riflette dentro e fuori di noi, come prismi nel vento.
Caleidoscopi dal ritmo frenetico, alla ricerca di chissà quale folle immagine riflessa.
Quando basterebbe fermarsi un attimo, guardarsi attorno e poi accettare quello che si è, l'ora e adesso.
Ove il passato non esiste più, ed il futuro non esiste, ancora.
 

 

sabato 23 gennaio 2021

Dialogo tra gemelli...e la nostra l'esistenza

 

Nel ventre di una donna incinta si trovavano due bebè e fra loro avviene questo dialogo:

– Tu credi nella vita dopo il parto?
– Certo. Qualcosa deve esserci dopo il parto. Forse siamo qui per prepararci per quello che saremo più tardi.
– Sciocchezze! Non c’è una vita dopo il parto. Come sarebbe quella vita?
– Non lo so, ma sicuramente… ci sarà più luce che qua. Magari cammineremo con le nostre gambe e ci ciberemo dalla bocca.
-Ma è assurdo! Camminare è impossibile. E mangiare dalla bocca? Ridicolo! Il cordone ombelicale è la via d’alimentazione …

Ti dico una cosa: la vita dopo il parto è da escludere. Il cordone ombelicale è troppo corto.
– Invece io credo che debba esserci qualcosa. E forse sarà diverso da quello cui siamo abituati ad avere qui.
– Però nessuno è tornato dall’aldilà, dopo il parto. Il parto è la fine della vita. E in fin dei conti, la vita non è altro che un’angosciante esistenza nel buio che ci porta al nulla.
– Beh, io non so esattamente come sarà dopo il parto, ma sicuramente vedremmo la mamma e lei si prenderà cura di noi.
– Mamma? Tu credi nella mamma? E dove credi che sia lei ora?
– Dove? Tutta intorno a noi! E’ in lei e grazie a lei che viviamo. Senza di lei tutto questo mondo non esisterebbe.
– Eppure io non ci credo! Non ho mai visto la mamma, per cui, è logico che non esista.
– Ok, ma a volte, quando siamo in silenzio, si riesce a sentirla o percepire come accarezza il nostro mondo.
– Sai? … Io penso che ci sia una vita reale che ci aspetta e che ora  ci stiamo solamente preparando per essa .

Cit.

Allargare la propria vita....

venerdì 22 gennaio 2021

Puzzle....

Comprendere, Tollerare, Intuire. 

    Vivere un'esistenza piena. Senza trascinare i piedi, ma cercando di tenere il mento alto, con quella squisita dignità che solo pochi sanno indossare.

    Siamo un puzzle in cui limiti mutano in continuazione. Tessere sagomate si ammassano tutte attorno e a noi il compito di avere la forza di riordinarle nel miglior modo possibile.

    Erotismo, Sensualità, Piacere...Motori innegabilmente forti che smuovono anche i più indolenti a fingersi ciò che non potranno mai essere. 

    E così il dolore nell'inganno. 

    Pochi, pochissimi si godono il viaggio dell'essere ciò che sono, molti altri preferiscono ingannarsi.

    O forse, tutti noi vediamo maschere semplicemente perché inconsapevolmente vediamo riflessa la nostra.

    L'eleganza in un gesto, un intimo indossato con soddisfazione mentre l'immagine riflessa ci restituisce uno sguardo ammiccante, per poter così iniziare una giornata nuova con uno spirito rinnovato.

    Tenere lontane le ombre del passato e convincersi che questa volta si sarà pronti, e così facendo la nuova armatura serra più strette la maglie ferrose, togliendoci il respiro, anche quando vorremmo semplicemente poter volare come si faceva un tempo.



 



 

giovedì 21 gennaio 2021

Delirium Jesahel Sanremo 1972


Alle mie spalle c’erano invece i Delirium e ]esahel, un successo extraeuropeo che ha avuto sette versioni solo in Francia ed è uscita in Inghilterra, anche se nel 1972 per noi era un territorio completamente chiuso. Difficile che una canzone italiana finisse nelle classifiche inglesi e invece Jesahel nella versione di un gruppo che si chiamava Congregation, era salita in alto. Era uscita, fatto ancora più singolare per allora, anche negli Stati Uniti e c’era stata persino una versione vietnamita. Una meraviglia che in realtà non si riusciva a palpare, forse adesso ne sarei capace, saprei come comportarmi di fronte a una situazione cosi sorprendente. Capita che a vent’anni scatti una specie di incredulità, sembra impossibile che il disco con la tua faccia stampata sopra sia uscito in Germania, Francia, ma soprattutto nei Paesi extraeuropei. Tra le altre cose aveva anche vinto il premio della critica al Festival di Sanremo, mah! Da quelle parti, e in quell’occasione, mi sono esibito solo un’altra volta, quasi trent’anni dopo, nel 1999, come «superospite>», una parola che mi imbarazzava per quanto è brutta. Il vantaggio di vivere in Liguria mi ha permesso di tornare a casa la sera stessa, cosa non da poco. 
E dire che era nato tutto quasi per scherzo una sera a Genova. Ci siamo incontrati Oscar Prudente e io, lui è ancora un mio caro amico ed è sempre una persona di talento vivissimo. Insieme abbiamo scritto molte canzoni, come Pensiero stupendo, e vissuto anche esperienze divertenti. Nel 1976, ad esempio, suonavamo per intrattenere i crocieristi della Eugenio Costa sulla tratta Genova-Istanbul avanti e indietro, avanti e indietro. Quella sera di qualche anno prima ci eravamo trovati in un locale di Genova, di quelli dove si suonava, dove si facevano soprattutto jam session, avrò avuto diciott’anni, lui qualcuno più di me. Eravamo nella sala superiore, io me ne stavo seduto sopra il biliardo, e lui con la chitarra mi ha fatto sentire quegli accordi che sembravano una cantilena dicendo: «Pensa che bello, tu sei capace di scrivere i testi per le canzoni, perché non provi ?». All’epoca, a dire il vero, un paio di canzoni le avevo anche scritte, ma erano abbozzi che non ho nemmeno mai conservato, non mi sentivo davvero «un autore». Avevo smesso di studiare e suonavo nei gruppi. Pur avendo l’intenzione fortissima di fare della musica il mio lavoro, non avevo mai pensato di cantare e tanto meno di incidere dischi. Va detto che a quell’epoca in sala d’incisione non si arrivava facilmente. Avevo dato due esami all’Accademia Lanaro presso il Conservatorio di Genova: spesso leggo sui giornali che mi «fanno» diplomato, in realtà ho iniziato a suonare il pianoforte quando avevo otto anni, e oltre a quel paio di esami non c’é nulla, se non la teoria musicale sulla base della quale dal pianoforte sono passato agli altri strumenti. Poi c’è anche la ripresa dello studio del pianoforte dal 1993 a oggi. 
Quella sera Oscar mi aveva coinvolto in questo gioco del «dai proviamo». Fatto sta che in poco tempo le parole sono venute fuori, ho scritto un testo che non si basava su nessuna tecnica perché non ce l’avevo allora la tecnica, non avevo nessuna esperienza. Lì, nel momento in cui affioravano le parole, accadeva tutto quasi per gioco, anche perché sapevamo, credevamo anzi, che non ci sarebbe mai stato un utilizzo. Era un po’ come se fossimo stati due che facevano un altro mestiere, che una sera si divertono a scrivere una canzone per farne nulla se non un gioco. Ecco, era così. Noi non pensavamo in nessun modo che quel lavoro potesse avere un senso e fu un caso che, due anni dopo, approdato ai Delirium, mi ricordassi di avere in fondo al classico cassetto quella canzone. Fummo spinti a pubblicarla perché piacque molto all’interno della casa discografica, e da buoni mestieranti non si sbagliavano. Anche il seguito fu tutto abbastanza casuale. Jesahel ha venduto più di un milione di copie in Italia nella nostra versione, oltre a tutte quelle che ne fecero un successo editoriale enorme.

Estratto da: Fossati, Ivano, Carte da decifrare, Torino, Einaudi, 2001, pp. 24-27



martedì 19 gennaio 2021

Eminem Lose Yourself

Dead Can Dance - The Carnival Is Over

 

Storm Wave.....


Da un lato sono confortato dalla consapevolezza che nonostante veda ingrigire la mia pelle,
la mente se tenuta in allenamento, 
continua a produrre inusuali prospettive.

Mi sento sempre più distante,... si,

 ho rinunciato a combattere l'adattamento di me stesso agli altri.

Piuttosto lotto per mantenere una soglia di comprensibilità, giusto per non distaccarmi del tutto.

Trovo conforto in pochi pensieri, 

...in un raggio di luce che filtra attraverso la polvere sospesa, 

... gioisco nel gioco dei mille colori, così improbabili da rendersi unici se immortalati nell'istante.

Lavoro, parlo, spiego, ascolto, ... eppure le lezioni che vorrei imparare non arrivano quasi mai dalle parole degli altri, piuttosto dai loro gesti, ...

...quasi mai lezioni costruttive.

Alcuni giorni sono meglio di altri.

Ho così poco da lamentarmi, che dovrei vergognarmi della mia melanconia. Non cado, non posso permettermelo, ma ogni tanto vorrei.

Il bello, di tutto questo, è vedere il Re nudo, osservare la massa che annuisce alle vesti che non esistono, esserne consapevole, e voltare lo sguardo altrove, con la presunzione di sapere, quello che da lì...a mai, probabilmente "gli altri" crederanno di sapere...esattamente come me.




Forza e delicatezza...


 E' davvero il dolore a forgiarci?

L'amore è ciò che ne consegue, oppure è l'amore stesso a ferirci?

Diveniamo ossessionati nell'ostentare forza, in un'esistenza civile non dovrebbe essercene alcun bisogno.

Torniamo a guardarci le spalle, perdendoci tutto il bello dell'orizzonte.

Ma non deve per forza essere sempre così. 

Si può provare anche a sorridere, e chissà che non diventi contagioso.

Mi riprometto di sorridere di più, e magari chissà, nel mio piccolo potrò contribuire a rendere il mio tempo migliore.

domenica 17 gennaio 2021

Esistenze Sospese...


 ...Si cucina pensando a qualcuno, altrimenti si sta solo preparando da mangiare.

Viviamo in un momento storico davvero strano. 

Tutto va avanti in ...attesa! Sospesi nel non senso!

Perché le persone non possono uscire di casa? Sole in un bosco devono indossare la mascherina? Gli studenti sono congiunti quindi si possono ammassare sugli autobus, ma devono stare distanziati a scuola?

Ma perchè tutto è così di...plastica? Inconcludente, flessibile, liquido tra le dita della verità.

Non sarebbe tutto molto più semplice, ammettere l'incapacità, l'incompetenza e passare il testimone.

Nel mondo del lavoro funziona così! Se non sei capace o qualcuno è più bravo, passa avanti...eppure non riesco a comprendere le ragioni di tutto questo.

Vedo il lento dissolversi di tutto quello per cui i nostri Nonni hanno combattuto e non posso, non riesco a fare nulla.

Si ammassano nella testa le voci di molti, ma la sostanza rimane sempre la stessa...disgregare per ricostruire.

Mi chiedono di fidarmi di un sistema che non funziona.

E si sorprendono se alzo il sopracciglio, o semplicemente ignoro il predicatore di turno.

Cerco costantemente di rimanere lucido nelle mie elucubrazioni, di ragionare...già ragionare. 

In un mondo in cui la scuola ci chiede di ricordare tutto, quando la memoria diviene sempre più digitale, nessuno insegna più il ragionamento.

L'intelligenza sta giungendo ad un cambiamento, al quale temo, non sopravviveremo.

 


mercoledì 13 gennaio 2021

Universo 25

La fogna del comportamento[1] (in inglesebehavioral sink) è un'espressione coniata dall'etologo statunitense John Bumpass Calhoun, usata per denotare il collasso di una società a causa di anomalie comportamentali provocate dalla sovrappopolazione.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Per arrivare a questa osservazione, l'etologo condusse alcuni esperimenti di sovrappopolazione nel corso degli anni, usando alcune colonie di ratti grigi (dal 1958 al 1962) e topi (dal 1968 al 1972).[2] Calhoun coniò il termine "fogna del comportamento" il 1º febbraio 1962, in un articolo dal titolo Densità di popolazione e patologia sociale, scritto per illustrare i risultati dell'esperimento ed uscito sul settimanale scientifico Scientific American.[3] I risultati di Calhoun vennero usati successivamente come modello animale di collasso sociale, ed i suoi studi divennero un punto di riferimento per la sociologia urbana e la psicologia.[4]

Nel 1962 Calhoun descrisse in questa maniera il comportamento riscontrato negli esperimenti:

«Molti (esemplari femmine) non erano in grado di portare avanti una gravidanza sino al termine, o di sopravvivere al parto se fossero giunte alla fine. Un numero anche maggiore, dopo essere riuscite a partorire, vennero meno alle proprie funzioni materne. Tra i soggetti maschi, le distorsioni comportamentali variarono dal cannibalismo all'iperattività frenetica, all'emergere di un isolamento patologico, a causa del quale gli individui isolati uscivano per mangiare, dormire e muoversi solo quando tutti gli altri membri della comunità stavano dormendo. Anche l'organizzazione sociale degli animali ha mostrato uguale disgregazione. [...] L'origine comune di questi disturbi divenne notevolmente manifesta nelle popolazioni della nostra prima serie di tre esperimenti, nei quali abbiamo osservato lo sviluppo di quello che abbiamo chiamato fogna del comportamento. Gli animali si affollavano insieme in grande numero in uno dei quattro nidi di interconnessione sui quali era mantenuta la colonia. Dai 60 gli 80 ratti si assembravano in un solo nido durante il periodo di alimentazione. I ratti singoli raramente avrebbero mangiato se non in compagnia di altri ratti. Come risultato, il nido scelto per mangiare aveva una densità di popolazione estrema, lasciando gli altri tre quasi vuoti. [...] Negli esperimenti in cui si era sviluppata una fogna del comportamento, la mortalità infantile raggiunge quote del 96% tra i gruppi più disturbati della popolazione»

Calhoun avrebbe continuato gli esperimenti per molti anni, ma la pubblicazione dell'articolo nel 1962 portò alla luce del grande pubblico il concetto, facendo sì che prendesse una piega diversa dall'originale, in un'analogia con il comportamento umano. Calhoun andò in pensione nel 1984, ma continuò le sue ricerche fino alla sua morte, il 7 settembre 1995.[5]

  primi esperimenti di Calhoun vennero condotti in una fattoria presso Rockville, in Maryland, nel 1947.

Calhoun partiva dall'assunto ipotizzato da Thomas Malthus, noto teorico delle conseguenze della sovrappopolazione, il quale affermava che i limiti assoluti alla crescita della popolazione fossero la miseria e il vizio. La ricerca scientifica si era focalizzata sino a quel momento sull'analisi del primo fattore restrittivo, la miseria, che nel campo pratico si basa sulla predazione, sulle malattie e sulla quantità di cibo disponibile come fattori per contenere la popolazione. Calhoun quindi si chiese quali fossero invece gli effetti del comportamento sociale sulla crescita della popolazione, e viceversa gli effetti della densità di popolazione sul comportamento.

Durante i primi test quindi, posizionò fra i 32 ed i 56 roditori in scatole di 3 x 4 metri in un granaio nella contea di Montgomery. Separò l'habitat in quattro stanze distinte. Ogni stanza era stata specificamente creata per supportare una dozzina di ratti grigi maturi. I ratti potevano spostarsi fra le stanze usando delle rampe. Calhoun provvide la colonia di risorse illimitate, come acqua, cibo, e fornendo protezione dai predatori, così come dalle malattie e dalle condizioni meteorologiche avverse. Creò ciò che un altro psicologo descrisse come un "paradiso per ratti" o un'"utopia per ratti".[6] In questo modo, eliminati tutti i limiti fisici, solo il comportamento degli individui avrebbe influenzato la crescita della popolazione.[3]

Dopo i primi esperimenti, Calhoun creò un "Ambiente inibitore di morte per topi": una gabbia di pianta quadrata (con lato lungo 2,7 metri) con cibo ed acqua illimitati, per supportare ogni incremento massimo di popolazione. Il suo più famoso esperimento, l'"Universo 25", raggiunse il massimo di 2.200 unità di popolazione, e subito dopo iniziò ad esibire anomalie comportamentali talmente gravi da causare la totale distruzione dell'habitat e della popolazione. Dal 600º giorno in poi la sua popolazione era in via d'estinzione.

L'esperimento del 1962[modifica | modifica wikitesto]

Calhoun basò la sua teoria sulla base dei risultati di sei diverse generazioni. Dopo aver posizionato i roditori, attese che la popolazione aumentasse. Dopo 27 mesi, la popolazione si era attestata sui 150 esemplari adulti. In realtà la mortalità era così bassa che, secondo le stime fatte sul tasso di riproduzione in tale ambiente, la popolazione avrebbe dovuto raggiungere le 5.000 unità. Tuttavia ciò non avvenne poiché, al contrario, la mortalità infantile era altissima.[3] Anche solo con 150 adulti, lo stress sociale provocato dallo spazio ristretto aveva distrutto ogni vincolo sociale, facendo sì che le femmine abbandonassero i loro istinti materni nei confronti dei piccoli.[3] I comportamenti anomali aumentarono, specialmente nelle femmine, al punto che ogni colonia si divise in diversi gruppi, all'interno dei quali non era rispettata alcuna razionalità nella distribuzione dei due sessi (ad esempio un gruppo poteva essere composto da sei, sette femmine ed un solo maschio, ed un altro da 20 maschi e 10 femmine).[3] Il mangiare, il bere e tutte le altre attività biologiche divennero attività sociali, nelle quali la soddisfazione principale derivava dall'interazione con gli altri ratti. Nel caso dell'alimentazione, questa frenesia nell'interazione portava i ratti a non alimentarsi adeguatamente.[3] Questa "intimità" tuttavia arrivò anche a distruggere tutti i rapporti sociali vitali per la sopravvivenza della colonia, come i riti di accoppiamento, la costruzione di nidi e nell'allevamento e nella cura dei giovani.[3]

L'Universo 25[modifica | modifica wikitesto]

Calhoun all'interno dell'Universo 25 il 10 febbraio 1970, 651 giorni dall'inizio dell'esperimento. L'aggregazione dei topi in una sola rastrelliera del cibo nonostante la presenza di altre è un indicatore della "fogna del comportamento" già in atto.

L’esperimento che diede risalto internazionale alla fogna del comportamento fu il cosiddetto “Universo 25”. Anche in questo caso l'habitat era progettato per eliminare qualsiasi fattore fisico che avrebbe potuto limitare la crescita della popolazione o incidere negativamente sul benessere e l'aspettativa di vita dei roditori.

L’universo aveva la forma di un serbatoio di pianta quadrata con lato di 2,7 metri, con mura alte un metro e mezzo circa. Il primo metro era strutturato in modo che i topi potessero arrampicarsi liberamente sulle pareti, senza tuttavia poter scappare; su ogni muro erano saldati 16 tunnel in maglia di ferro, con 4 corridoi orizzontali che li attraversavano da parte a parte, fornendo così 256 ripari in cui costruire altrettanti nidi. Ogni nido era abbastanza grande da ospitare 15 topi.[7] L'habitat avrebbe permesso la sopravvivenza di 3.800 esemplari.

L’habitat veniva pulito ogni 4 settimane, la temperatura era tenuta costantemente intorno ai 20° e persino il rischio di malattie genetiche era stato drasticamente ridotto, selezionando i migliori esemplari dalle colonie del National Institutes of Health.

Quattro coppie di topi furono introdotte nell'habitat e, dopo 104 giorni di adattamento, i topi iniziarono a riprodursi, arrivando a raddoppiare la propria popolazione ogni 55 giorni. Tuttavia, trascorsi 315 giorni, il tasso di crescita della popolazione rallentò sensibilmente. La popolazione era arrivata a 600 esemplari.[8] Nonostante cibo ed acqua fossero garantiti in abbondanza, lo spazio iniziò a scarseggiare, e l'habitat si sovrappopolò, facendo sorgere alcune anomalie comportamentali nei topi

I nuovi nati si ritrovavano in un mondo ogni giorno sempre più affollato, in cui vi erano più topi che ruoli sociali. Le posizioni sociali, in seno alla gerarchia dei topi, erano costantemente minacciate. Lo stress di dover difendere il proprio territorio e le proprie femmine da innumerevoli contendenti, portò i maschi alfa ad abbandonare il proprio compito, diventato troppo oneroso.[8] L'assenza di questi ruoli sociali fece emergere comportamenti distruttivi ed antisociali in tutta la colonia, dato che i normali rapporti sociali erano crollati, e con essi l'abilità dei topi di formare legame sociale.

I maschi divennero estremamente aggressivi, arrivando a formare gruppi che attaccavano femmine e piccoli. Altri divennero pansessuali, cercando di avere un rapporto sessuale con qualsiasi topo a disposizione, che fosse stato maschio, femmina, giovane o vecchio.[8] Le femmine, ormai senza più alcuna protezione, si rifugiarono presso i nidi più alti della colonia, a volte radunandosi in alcuni gruppi composti solamente da femmine, ma dovendo sprecare energie per difendere i propri nidi e se stesse, trascurarono i propri ruoli materni, abbandonando la prole a se stessa, o arrivando ad attaccarla.[8] In alcune aree dell’habitat la mortalità infantile raggiunse il 96%, e vi furono casi di cannibalismo, nonostante non vi fosse alcun bisogno di esso dato che il cibo era ancora ampiamente disponibile per tutti gli esemplari.

A questo punto nell'habitat si formano tre gruppi di topi. I topi più deboli e quelli rifiutati, resistenti fisicamente ma devastati psicologicamente, cercarono di sopravvivere radunandosi al centro dell'habitat, dove la loro vita scorreva inerme se non con qualche insensato e occasionale atto di violenza contro sé stessi.[7][8] Le femmine rimaste sole cominciarono sempre più a migrare nei nidi più elevati, radunandosi in gruppi.[8] Oltre a questi due, emerse anche un terzo gruppo, che Calhoun chiamò "i belli". Questi topi, mai lasciatisi coinvolgere nelle lotte e mai mostratisi interessati alla riproduzione, erano interessati solo a loro stessi, e lo loro uniche attività erano mangiare, dormire e lisciarsi il pelo. Si distinguevano infatti dagli altri per l’assenza di ferite e per il pelo bianco e lucido.[7] Altrove, nei gruppi maggiori, il cannibalismo (pur in presenza di cibo abbondante), il pansessualismo e le esplosioni di violenza continuavano senza sosta. La società dei topi collassò.

Il grafico mostra l'andamento demografico della popolazione di topi nell'esperimento. Le linee tratteggiate indicano le stime fatte dopo il 700º giorno dell'esperimento.

Giunti al giorno 560, la popolazione raggiunse i 2200 individui (contro gli oltre 3500 che Universo 25 poteva ospitare), e al 600º giorno la sua crescita si fermò del tutto. Pochi topi riuscirono a superare lo svezzamento; da quel giorno ci furono pochissime gravidanze ma nessun cucciolo sopravvisse.[8] Anche quando la popolazione ritornò ai livelli iniziali dell’esperimento, non si registrarono nuove nascite. I topi ancora in grado di riprodursi, come “i belli” ed alcune femmine rintanatesi ai livelli più alti della gabbia, avevano perso la capacità sociale di farlo.[8] La colonia quindi si avviò verso l'estinzione. In qualche modo, le cavie avevano smesso di essere topi, incapaci di avere relazioni sociali. Una sorta di prima morte, come fu definita da Calhoun stesso. Una morte sociale che precedette la morte fisica.[8]

Le conclusioni tratte[modifica | modifica wikitesto]

Quando finì di raccogliere i risultati dell'Universo 25, Calhoun riscontrò che i risultati si sarebbero ottenuti eliminando le cause di morte esogene da qualsiasi gruppo di mammiferi. La riduzione della mortalità per cause naturali culminava nella sopravvivenza di un numero eccessivo di individui perfettamente in grado di ricoprire i ruoli sociali caratteristici della propria specie. Nel giro di poche generazioni tutti gli spazi e i ruoli sono occupati, ma vi sono ancora innumerevoli individui capaci di ricoprire i ruoli sociali già occupati. Questi esemplari giovani quindi lottano contro gli esemplari adulti per prenderne il posto, ma la lotta che ne scaturisce è così violenta da portare a un totale esaurimento sia dei contendenti che degli adulti. A ciò segue la dissoluzione della normale organizzazione sociale (cioè, le istituzioni).

I giovani nati in queste condizioni vengono rifiutati dalle proprie madri e dagli altri associati adulti. Questo fallimento precoce nel formare legami sociali viene aggravato dall'interruzione dei cicli di azioni a causa delle interferenze meccaniche risultante dall'alto tasso di contatto tra individui viventi in una popolazione ad alta densità. L'elevato contatto frammenta ulteriormente il comportamento a causa della stocastica delle interazioni sociali, che esigono che per massimizzare la gratificazione derivata dalle interazioni sociali, l'intensità e la durata delle interazioni deve essere ridotta in proporzione alla dimensione del gruppo. Esemplari capaci solo dei più semplici comportamenti compatibili con la sopravvivenza fisica emergono in questo processo (la prima morte). La specie dunque si estingue.

Calhoun tentò di spiegare questo declino sotto forma di equazione:[9]

«Mortalità, morte del corpo = la seconda morte

Drastica riduzione della mortalità = morte della seconda morte = morte al quadrato = (morte)2

(Morte)2 porta al disfacimento dell'organizzazione sociale = morte delle classi dominanti

Morte delle classi dominanti porta alla morte spirituale = perdita della capacità di impegnarsi in comportamenti essenziali per la sopravvivenza della specie = la prima morte

Quindi: (Morte)2 = la prima morte»

Per Calhoun non c’erano dubbi: non importa quanto sofisticato l'uomo crede di essere, una volta che il numero di individui in grado di ricoprire un ruolo supera largamente il numero di ruoli disponibili,

«L’inevitabile conseguenza è la distruzione dell’organizzazione sociale. Individui nati in queste circostanze sarebbero così distaccati dalla realtà da essere incapaci persino di alienarsi. I loro comportamenti più complessi diventerebbero frammentati.

L’acquisizione, la creazione e l’utilizzo di idee appropriate per il sostentamento della vita in una società post-industriale sarebbe impossibile.»

Influenza culturale[modifica | modifica wikitesto]

Il periodo in cui Calhoun condusse i suoi esperimenti era segnato da una concreta paura per il sovrappopolamento. La società, già profondamente segnata dalla più sanguinosa guerra dell’epoca moderna, era seriamente preoccupata delle ripercussioni che l’incremento senza sosta della popolazione umana avrebbe potuto avere sulle risorse naturali, ed ecologi come William Vogt e Fairfield Osborn avevano lanciato i primi allarmi sulla pressione che l’espansione demografica stava avendo sulle risorse di cibo già dal 1948.[7] Inoltre, in quegli anni, iniziò ad emergere la paura della "folla", dello sviluppo e della crescita incontrollata di esseri umani, anche a seguito di alcuni episodi ben noti all'opinione pubblica, come le rivolte nelle città americane avvenute fra il 1965 ed il 1968, le dimostrazioni nelle università, l'ascesa della cultura della droga, e la risposta apatica dei testimoni dell'omicidio di Kitty Genovese.[10]

Nel gennaio 1960 addirittura il Time dedicò una copertina all'argomento, e nel 1968, Paul Ehrlich pubblicò The Population Bomb, altro saggio che suggeriva l’imminente catastrofe mondiale, a causa di guerre provocate dalla limitatezza delle risorse. Il tema raggiunse la massima importanza quando nel 1972 fu pubblicato un rapporto della Rockfeller Commission sulla popolazione degli Stati Uniti, in cui si suggeriva che la crescita senza freno della popolazione dovesse essere rallentata o addirittura invertita.

Tuttavia, il lavoro di Calhoun era differente, perché contrariamente agli ecologi citati, egli dimostrò, attraverso i suoi esperimenti, che la catastrofe legata al sovrappopolamento non era conseguenza di effettiva scarsità di risorse, ma di mancanza di spazio e di troppe interazioni sociali. Nel fare ciò, Calhoun attrasse gli interessi di antropologi, sociologi e psicologi sociali, interessati ai risultati sulle interazioni sociali. Con la sempre maggiore influenza dei sistemi informatici, la teoria dei sistemi e l'approccio olistico nelle scienze biomediche nell'ambito scientifico generale, i risultati di Calhoun portarono anche ad un nuovo modo di pensare nei progettisti urbani e negli architetti, che cominciarono a progettare soluzioni abitative che coesistessero con le leggi naturali, anziché andare loro contro.[11]

Anche in etologia ed in altre branche dello studio dei comportamenti animali lo studio ed i risultati ottenuti fornirono nuovi strumenti di analisi dei risultati, e stimolò altri ricercatori a compiere ricerche nella direzione dei risultati di Calhoun.[10]

Nella cultura popolare invece, la formula della "morte al quadrato" di Calhoun fu interpretata come estremamente pessimista, al pari delle leggi di termodinamica per un fisico, ed ebbero un profondo impatto sull'opinione pubblica. Lo stesso Calhoun aveva scritto i suoi risultati in una prosa atta a suscitare un'analogia fra i topi e gli esseri umani nel lettore.[8] La descrizione dell'habitat ricordava le idee moderniste ed utopistiche dell'urbanista Ludwig Hilberseimer. Calhoun si riferiva alle dimore dei topi come "blocchi di appartamenti", o ai topi "belli" come "giovani delinquenti". Quest'uso dell'antropomorfismo era inusuale per uno scienziato, ma il suo scopo era proprio quello di calare il lettore nell'esperimento. Lo stesso termine "fogna del comportamento" fu usata per evocare uno stato parapatologico della società, una disperazione condivisa, richiamata nel comportamento patologico ed esacerbato dai suoi effetti.

Il termine ebbe così successo da essere poi ripreso dallo scrittore Tom Wolfe in una lamentazione sulla decadenza della città di New York, chiamata O Rotten Gotham! Sliding Down into the Behavioral Sink. L'idea influenzò anche la stesura del romanzo Largo! Largo! di Harry Harrison, che successivamente fu trasposto nel film 2022: i sopravvissuti, dove un mondo sovrappopolato e sull'orlo del collasso dove le persone vengono trasformate in cibo. Anche il romanzo di John Brunner, Tutti a Zanzibar! ipotizzò un mondo iperattivo e sovrappopolato. L'esperimento influenzò anche la stesura di Mrs. Frisby and the Rats of NIMH, di Robert C. O'Brien, che fu poi trasposto nel film d'animazione Brisby e il segreto di NIMH.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Stefania Consigliere, Le distanze fra individui (PDF), p. 2. URL consultato il 18 luglio 2020.
  2. ^ Hall T. Edward, The Hidden Dimension: An Anthropologist Examines Humans' Use of Space in Public and in Private, Anchor Books, 1966.
  3. ^ Salta a:a b c d e f g John B. Calhoun, Population Density and Social Pathology (PDF), in Scientific American.
  4. ^ Roger R. Hock, Forty Studies that Changed Psychology: Explorations into the History of Psychological Research, Prentice Hall, 2004, ISBN 0131147293.
  5. ^ NLM Announces the Public Release of the Papers of John B. Calhoun, su U.S. National Library of Medicine.
  6. ^ Medical Historian Examines NIMH Experiments in Crowding, su The NIH Record, 25 luglio 2008.
  7. ^ Salta a:a b c d Universe 25: morte da utopia, in Lega Nerd, 6 settembre 2013.
  8. ^ Salta a:a b c d e f g h i j (EN) Will Wiles, The Behavioral Sink, su Cabinet Magazine.
  9. ^ J. B. Calhoun, Death squared: The explosive growth and demise of a mouse population, in Proceedings of the Royal Society of Medicine.PMID 4734760.
  10. ^ Salta a:a b Edmund Ramsden e Jon Adams, Escaping the Laboratory: the rodent experiments of John B. Calhoun & their cultural influence (PDF), in Journal of Social History, n. 42, 2009.
  11. ^ J. H. Bradbury, Walden Three: New Environmentalism, Urban design and Planning in the Nineteen Sixties, in Antipode, n. 8, 1976.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]


Cit. 
https://it.wikipedia.org/wiki/Fogna_del_comportamento